Le aziende manifatturiere sono la spina dorsale dell’economia italiana e i recenti interventi di politica industriale, come il piano nazionale Industria 4.0, le pongono di nuovo al centro dell’attenzione alimentando un rinnovato e significativo dinamismo del settore.

Tuttavia ci sono nuove e vecchie criticità che impongono agli attori del settore riflessioni serie sul proprio futuro: gli investimenti tecnologici verso la «fabbrica intelligente», la questione del lavoro e delle nuove competenze; gli scenari politici nazionali ed internazionali sempre più complessi e conflittuali; la domanda di prodotti sempre più «liquida»; la questione della creazione del Valore e del mantenimento della marginalità.

La legge di Bilancio 2019 ha profondamente modificato l’impianto Industria 4.0 prevedendo la proroga dell’iperammortamento (ma con percentuali diverse) e la cancellazione del super ammortamento. Di conseguenza le imprese nel 2019 potranno ancora beneficiare dell’iperammortamento 2019 sui beni materiali strumentali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale ma non del super ammortamento.

L’iperammortamento spetta solo se i beni agevolabili sono destinati a strutture produttive situate in Italia e  le nuove percentuali sono stabilite in base alla misura degli investimenti effettuati entro il 31 dicembre 2019.Di questo e altro si parlerà al convegno Fabbrica Futuro, sponsorizzato dagli attori tecnologici di punta fra cui Noovle, in cui è prevista una sessione plenaria dedicata a scenari e trend del manifatturiero italiano e laboratori di approfondimento a cura dei Partner.

Imprenditori e direzione generale, Responsabili delle direzioni tecniche (produzione, operations, logistica, ricerca e sviluppo, IT) e Responsabili Organizzazioni e HR di aziende operanti nel settore manifatturiero e nel territorio di riferimento, avranno la possibilità di essere aggiornati su tutte le tematiche che ruotano intorno alla definizione della cosiddetta fabbrica intelligente.

Per partecipare all'iniziativa

Condividi: