Nasce  Noovle.AI, un hub di ricerca e sviluppo  costruito intorno alle tecnologie più avanzate di Intelligenza Artificiale. 

Presso il Polo Trentino Sviluppo S.P.A. nasce Noovle AI, la StartUp  di Noovle per lo sviluppo di progetti altamente innovativi basati sull’Intelligenza Artificiale.

I progetti di Noovle di Intelligenza Artificiale, sviluppati in diversi settori, trovano in Noovle AI uno spazio per crescere ulteriormente e aiutare aziende e organizzazioni a intercettare opportunità, automatizzare i processi interni, migliorare la customer experience, predire comportamenti e governare i rischi.

L’ambito dell’Intelligenza Artificiale è uno dei più interessanti e con maggiori prospettive per il futuro:  proprio per questo Noovle ha scelto di investire nella ricerca aderendo all’Osservatorio Artificial Intelligence del Politecnico di Milano 2020-2021 e portando il suo contributo per l’identificazione dei principali trend tecnologici.

In Italia siamo ancora agli inizi: gli stessi dati dell’Osservatorio ci dicono che la spesa per lo sviluppo di algoritmi nel 2018 era pari a 85 milioni di euro con solo il 12% delle aziende con un progetto a regime.

Allo stato attuale gli sforzi si sono concentrati in particolare sull’implementazione di Chatbot/Virtual Assistant (con risultati ottimali, testimoniati da tanti casi di successo).

Secondo la stima effettuata dall’Osservatorio, nel 2018 in Italia il mercato dell’AI (Artificial Intelligence) si è attestato a 85 milioni di euro misurati tenendo conto i seguenti elementi:

  •  spese sostenute dalle aziende end user per lo sviluppo diretto di algoritmi di intelligenza artificiale;
  • spesa dedicata all’hardware di base a supporto dell’immagazzinamento e dell’elaborazione dei dati; 
  • software di ingestion;
  • gestione e manipolazione dati;
  • servizi di integrazione e personalizzazione.

 

mercato-intelligenza-artificiale-osservatorio

Mercato Intelligenza Artificiale – Fonte: Osservatorio Politecnico di Milano

Altre componenti significative, come la diffusione degli smart home speaker (assistenti vocali intelligenti) e lo sviluppo dei robot collaborativi in ambito industriale, delineano importanti prospettive di crescita futura.

Ci sono innumerevoli esempi che rendono l’idea di come le tecnologie di AI possano, nella pratica, aiutare a:

  • trarre valore dalle informazioni e dalla grande quantità di dati a disposizione delle aziende 
  • semplificare l’organizzazione aziendale/personale
  • rendere più efficace la gestione del tempo, combinando personalizzazione, velocità e facilità d’uso. 

Si tratta in sostanza di sfruttare appieno le forze che guidano la trasformazione digitale  (Social, Mobile, Cloud e Big Data)  in un circolo virtuoso, un “Nexus of forces” che Noovle, in qualità di principale partner italiano di Google, propone da sempre come approccio in ogni ambito di applicazione: grazie all’opera di democratizzazione operata da Google nel rendere disponibili le tecnologie di AI e ML per la più grande comunità di sviluppatori, utenti e imprese di ogni settore (dal finance all’education, dal manufacturing al retail, dalla sanità ai trasporti ecc.), è possibile proporre servizi migliori che migliorano la qualità della vita di ciascun essere umano.

Fra i settori in cui la trasformazione digitale ha reso più radicale il cambiamento relativo alla fruizione dei servizi e alle relazioni con i propri clienti vi è senza dubbio quello bancario-assicurativo, per il quale Noovle ha maturato un’esperienza significativa con diverse progettualità.

Grazie al mutamento dei comportamenti di consumo e di condivisione delle informazioni di cittadini e utenti dovuto all’avvento di Internet – con il mobile banking, i self service evoluti, i call center e i social media – i canali tradizionali sono stati gradualmente sostituiti per supplire alle mancanze dei tradizionali modelli di servizio, percepiti dai più come inadeguati.

In ambito finance  i chatbot – grazie alla capacità di automatizzare le operazioni  h24, 7/7 e raggiungere un numero elevato di clienti – stanno registrando un impatto via via più rilevante e vengono ormai utilizzati per ottimizzare i servizi digitali di molte organizzazioni.

Anche le compagnie assicurative puntano da tempo sull’innovazione tecnologica e sul cambiamento digitale: l’Insurthech, nata per applicare le tecnologie Ict ai sistemi informatici delle compagnie assicurative, offre la possibilità di riuscire a sfruttare il patrimonio di dati in possesso delle compagnie assicurative per fornire polizze flessibili, altamente personalizzate e corrispondenti alle reali necessità degli utenti.

Le applicazioni dei sistemi di AI sono innumerevoli e una loro completa enumerazione risulta quasi impossibile per via della quantità ed eterogeneità dei settori interessati. 

Il momento particolare che stiamo vivendo impone una riflessione sui riflessi che l’AI può determinare in un ambito come quello sanitario: sistemi diagnostici, robot usati per attività come pulizia o disinfezione, algoritmi per rilevare nuovi focolai, sono solo alcune delle possibilità per combattere l’attuale pandemia.

È di qualche giorno fa la notizia che il colosso cinese Tencent ha reso open source il suo assistente di auto-triage per COVID-19, uno strumento online sostenuto dalla tecnologia di intelligenza artificiale per aiutare le persone in tutto il mondo a valutare autonomamente i potenziali sintomi del coronavirus.

Come discusso anche nel corso dell’ultima edizione di Crescita Digitale, Intelligenza artificiale, Internet delle cose, Realtà aumentata, Machine Learning non rappresentano solo i trend tecnologici del momento, ma sono veri e propri fattori abilitanti per una nuova realtà che annulli le distanze e promuova la sostenibilità sociale e ambientale.

Noovle è al fianco di imprese e organizzazioni per avviare questa trasformazione. Insieme.

Per saperne di più

Condividi: